plus minus gleich

Cosa si intende per olio lampante e per olio raffinato?

L’olio ottenuto dopo la lavorazione delle olive, in relazione al suo livello qualitativo è classificato nelle seguenti categorie merceologiche:

  • Extra vergine, se privo di difetti e con un’acidità inferiore allo 0.8%;
  • Vergine, se viene riscontrata una percezione leggera di difetto e la sua acidità non supera i 2 gradi;
  • Lampante, se presenta difetti più marcati e la sua acidità è superiore al 2%. In questo ultimo caso l’olio viene deacidificato, deodorato e decolorato, ciò permetterà di ottenere l’olio raffinato, cioè un olio inodore, incolore e insapore, che unito ad una piccola percentuale di extra vergine darà origine all’olio di oliva.

 

Curiosità e domande frequenti

Come si legge il lotto di produzione e la data di scadenza sulla retro-etichetta del prodotto?

Attraverso le sigle indicate nel lotto di produzione è possibile risalire esattamente al giorno in cui è stato confezionato i prodotto e alla tipologia di olio. Il lotto dei prodotti Aproli è composto dalle seguenti voci: la lettera L che sta per “lotto”, la lettera T che sta per “tracciato”, il codice assegnato all’azienda che confeziona l’olio, il numero progressivo di imbottigliamento, il giorno giuliano e l’ anno di imbottigliamento.

{backbutton}